E’ mai possibile rimanere fedele ad un gruppo quando vai ad un loro concerto e di colpo è già finito? Si può non arrabbiarsi quando un live dura solo 75 minuti? A quanto pare sì ed è quello che è successo l’ 8 Marzo 2002 al Palavobis di Milano con i System Of A Down.

Il concerto incominciò, davanti a 8.000 fans in delirio, con Prison Song, un pezzo che mandò immediatamente la partecipazione alle stelle. Il colpo d’occhio era monumentale e il suono potentissimo.

Brani presi da Toxicity, album uscito poco prima la data del concerto, come Chop Suey!, Needles, Bounce e Aerials si sono alternati ad altri della loro carriera come Sugar, Peephole e War?. Sul gran finale ci fu spazio anche per due cover: Goodbye Blue Sky dei Pink Floyd e Give Peace A Chance di John Lennon che venne cantata a squarciagola da ogni singola persona tra il pubblico.

75 minuti di scarica musicale investirono i fans che, seppur riconoscendo la poca durata del live, hanno osannato il concerto del Palavobis come uno dei migliori dei SOAD. 75 minuti vissuti a pieno in cui perdersi nelle danze tribali, nei ritmi hardcore e nei momenti più intimisti.

Panino con Frittata di Ortiche

In onore del concerto storico dei System of a Down vi proponiamo una rivisitazione di un’antica ricetta della tradizione contadina milanese: la furtà cun i bisioni (ossia la frittata con le ortiche). I vegetali spontanei come le ortiche venivano molto utilizzati in passato, quando la fame rendeva creativa e ingegnosa la cucina del popolo. I piatti allora erano molto semplici e costituiti da pochi ingredienti, mentre ora le ortiche vengono riproposte in una gastronomia più raffinata, arricchite da svariati ingredienti. Per voi, abbiamo ideato un coloratissimo panino con la frittata.

INGREDIENTI per 4 panini:

4 panini integrali
un bel mazzetto di ortiche (almeno 400 g)
4 uova
30g di parmigiano
30g di burro
100g di pomodori secchi sottolio
4 foglie di basilico
1 spicchio di aglio (opzionale)

PROCEDIMENTO:

  1. Lavare bene le ortiche e sbollentarle per 10 minuti in acqua bollente salata. Poi scolarle e strizzarle (se le foglie sono troppo grosse, tritatele grossolanamente a coltello).
  2. Sbattere le uova in una ciotola, unire il parmigiano, sale e pepe e mescolare bene. In una padella antiaderente ripassare le ortiche con il burro per un paio di minuti e poi versarvi sopra il composto di uova. Dopo circa 5 minuti, voltare la frittata e terminare la cottura.
  3. Frullare i pomodori secchi insieme a 2-3 cucchiai del loro olio, le foglie di basilico e l’aglio (se vi piace il sapore), fino ad ottenere un composto cremoso.
  4. Tagliare a metà per il senso della lunghezza i panini, spalmare su entrambe le metà il pesto di pomodori secchi e farcire con un pezzo di frittata.

Bonus Tracks:

  • In alternativa al pesto di pomodori secchi, potete farcire il panino con maionese e pomodoro, oppure formaggio spalmabile e prosciutto cotto.
  • Per una cottura più leggera, potete cuocere la frittata in forno: mescolate il composto di uova con le ortiche e versatelo in una tortiera ricoperta di carta da forno bagnata e strizzata e cuocete per 15-20 minuti in forno ventilato preriscaldato a 200°C.
  • Innaffiate il tutto con una bella birra fresca del Birrificio di Lambrate!

 

System Of A Down – 8 Marzo 2002, Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *